Elezioni politiche 2022: il nostro voto conterà?

Home Elezioni Elezioni politiche 2022: il nostro voto conterà?
Elections 2022
+

Elezioni politiche 2022: il nostro voto conterà?

Le elezioni politiche del 2022 sono state indette per il 25 settembre. Come di consueto, gli elettori iscritti all’AIRE dovrebbero ricevere una comunicazione con le relative schede elettorali da inviare nuovamente al Consolato in attesa di elaborazione dopo il 22 settembre. Il sito del Ministero dell’Interno non è stato ancora aggiornato, ma vi forniremo un link non appena ciò sarà fatto.

Tuttavia, il nuovo sistema è un vero schiaffo in faccia con il ridotto numero di rappresentanti politici per la comunità italiana all’estero. Questa è la ripartizione dei rappresentanti eletti che possiamo aspettarci:

Senato – totale 4 (Europa x 1; Americhe x 2; Resto del mondo x 1)
Camera dei rappresentanti – un totale di 12 (Australasia/RoW x 1; Americhe 2+2; Europa 3)
Solo otto deputati e quattro senatori, in rappresentanza di quasi 6 milioni di italiani iscritti all’AIRE residenti all’estero.

Mentre si potrebbe ancora comprendere un aumento delle dimensioni dei collegi elettorali nella stessa penisola italiana in quanto i comuni limitrofi verranno inglobati in aree più estese, per la comunità italiana all’estero ad esempio avere un solo deputato per il “resto del mondo” potrebbe portare a un rappresentante eletto che rappresenti cittadini distanti come il Congo e l’Australia. Probabilmente le regioni più coese come il Nord America staranno meglio perché, nella peggiore delle ipotesi, potrebbe trattarsi di un deputato residente negli Stati Uniti che rappresenta anche gli italiani in Canada. Tuttavia, esiste una lingua comune e, in una certa misura, anche un background culturale anglosassone comune. Ma per qualcuno in Europa, potrebbe essere triste. Intere nazioni con una consistente popolazione italiana potrebbero essere alienate, finendo con un rappresentante della coalizione più forte che potrebbe risiedere a centinaia di miglia di distanza dai collegi elettorali chiave.

Con così pochi rappresentanti, si formeranno grandi coalizioni con tutti i litigi politici che potrebbero verificarsi dopo le elezioni.

Si è quasi tentati di suggerire agli italiani iscritti all’AIRE che vivono vicino all’Italia di iscriversi per votare nel collegio in cui sono iscritti in Italia piuttosto che come italiani all’estero. In questo modo, non solo potrebbero esprimere un voto più legato alla loro vera espressione politica, ma potrebbero anche essere sicuri di ritrovarsi con qualcuno che ha familiarità con le realtà locali.

Questo per quanto riguarda la democrazia aperta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.