AIRE e Salute

Home Links utili AIRE e Salute

Ci sono diverse idee sbagliate sull’iscrizione all’AIRE e sul conseguente accesso alle cure mediche in Italia. In generale, una volta che un cittadino italiano è iscritto all’AIRE, il suo contratto con l’ASL è terminato, e non ha più accesso al suo medico, nessun accesso ai farmaci sovvenzionati, e così via. Tuttavia, al ritorno in Italia e per un periodo non superiore a 90 giorni, il cittadino italiano continua ad avere accesso alle cure mediche di emergenza e al ricovero d’urgenza.


Cosa succede se rientri temporaneamente per più di 90 giorni? Puoi registrarti temporaneamente presso la tua ASL e avere accesso ai loro normali servizi, ma dovrai fornire la documentazione appropriata che sei tornato in Italia per lavoro, studio o motivi di salute e NON per vacanze perché questo non ti darà diritto alla registrazione temporanea. È bene ricordare che quando tornerete permanentemente in Italia e quindi registrerete la vostra residenza, avrete di nuovo accesso immediato a tutti i servizi sanitari locali.


In altre parole, la legge presuppone che un cittadino italiano, una volta residente altrove, abbia accesso alle risorse che sono disponibili in quei paesi, cessando così di usufruire di quei servizi erogati dalle finanze pubbliche in Italia.
E se ci sono accordi specifici tra il paese in cui risiedo all’estero e l’Italia? È qui che il campo si complica poiché, proprio come nel caso delle pensioni, esistono numerosi accordi bilaterali, oltre a quelli comunitari, che regolano l’accesso alle cure sanitarie al di fuori del paese di nascita. Pertanto, è sempre consigliabile verificare la situazione con il consolato locale, in quanto di solito controllano queste questioni per conto della località in cui si trovano. Sarebbe troppo lungo e probabilmente fuorviante, visti i cambiamenti e così via, enumerare queste eccezioni qui.

In ogni caso, quando si tratta di salute, è sempre bene essere eccessivamente cauti, quindi in caso di dubbio e se si viaggia dal paese di registrazione AIRE in Italia, per le vacanze, è consigliabile ottenere qualche forma di assicurazione di viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.